Traduttore italiano arabo gratis online


Un traduttore gratuito italiano-arabo di parole e frasi. Per tradurre dall'italiano all'arabo, inserire il testo nel modulo di editing superiore e fare clic sul pulsante "Traduci". Il testo tradotto in arabo comparirà nella finestra di editing inferiore.

 0 /5000


Un traduttore online italiano-arabo alternativo

Traduttore italiano-arabo gratis online, per tradurre parole, frasi e testi. Tenete presente che il nostro traduttore italiano-arabo non è in grado di tradurre più di 1000 caratteri alla volta.


 0 /1000

L'arabo è la lingua degli arabi, appartenente alla famiglia semitica della macrofamiglia delle lingue africane. L'arabo moderno è diviso in 5 gruppi di dialetti, che sono in realtà lingue separate dal punto di vista linguistico: il gruppo dei dialetti del Maghreb, l'arabo egiziano-sudanese, l'arabo siro-mesopotamico, il gruppo dei dialetti arabi, il gruppo dei dialetti dell'Asia centrale. I dialetti arabi dei diversi Paesi differiscono notevolmente l'uno dall'altro e spesso sono reciprocamente incomprensibili per i loro parlanti. Gli arabi di diversi Paesi utilizzano la lingua letteraria araba per comunicare. Si tratta di una varietà sopra-dialettale dell'arabo, utilizzata per iscritto e nel linguaggio formale dagli arabi istruiti. La lingua letteraria araba moderna è diffusa in tutti i Paesi di lingua araba. È questa varietà di arabo che viene utilizzata dalle Nazioni Unite come una delle 6 lingue ufficiali ed è riconosciuta come una delle 7 lingue internazionali. La maggior parte delle pubblicazioni stampate, dei libri, dei documenti e quasi tutta la letteratura educativa pubblicata in arabo sono scritti in arabo letterario. La lingua araba è caratterizzata da un'inflessione molto sviluppata. Come in altre lingue semitiche, l'arabo ha una morfologia complessa e insolita, cioè un metodo di costruzione delle parole a partire dalla radice principale. In arabo esiste una morfologia non concatenativa di "radice e modello": la radice consiste in un insieme di consonanti pure (di solito tre) che formano un modello intermittente, formando parole. In arabo esistono tre casi: nominativo (il caso del soggetto e del predicativo nominale), genitivo (il caso del controllo preposizionale) e accusativo (il caso del complemento diretto). Con l'aiuto del caso genitivo, si forma anche una definizione non coordinata e non complicata di idaf. In arabo esistono solo due generi: maschile e femminile. Il numero in arabo può essere singolare, doppio e plurale. Il numero di parlanti dell'arabo e delle sue varietà è di circa 310 milioni, e circa 270 milioni di persone usano l'arabo come seconda lingua. È la lingua ufficiale di tutti i Paesi arabi (in Iraq, insieme al curdo). È anche una delle lingue ufficiali di Israele, Ciad, Eritrea, Gibuti, Somaliland, Somalia e Comore. La scrittura si basa sull'alfabeto arabo. L'arabo si scrive da destra a sinistra.