Traduttore da cinese a italiano gratis online


Un traduttore gratuito cinese-italiano per la traduzione di parole, frasi ed espressioni. Per iniziare la traduzione dall'cinese all'italiano, inserire il testo nella finestra superiore. Quindi fare clic sul pulsante verde "Traduci" e il testo verrà tradotto. Questo traduttore dall'cinese all'italiano non può tradurre più di 5.000 caratteri per traduzione.

 0 /5000


Un traduttore online cinese-italiano alternativo

Un comodo servizio online per la traduzione di parole, frasi e testi dal cinese all’italiano. Tenete presente che il nostro traduttore cinese-italiano non è in grado di tradurre più di 1000 caratteri alla volta.


 0 /1000

Il cinese è la lingua del popolo cinese, appartenente al ramo sino-tibetano della famiglia linguistica. Il cinese parlato è diviso in molte varietà regionali spesso incomprensibili tra loro - idiomi che sono spesso percepiti come lingue separate all'interno della grande famiglia linguistica delle lingue cinesi. Il cinese standard si basa sul dialetto colloquiale di Pechino del Putonghua, spesso chiamato Mandarino. È anche la lingua ufficiale della Repubblica Popolare Cinese e della Repubblica di Cina a Taiwan, nonché una delle 4 lingue ufficiali di Singapore. È la versione principale della lingua cinese studiata dagli stranieri. La maggior parte dei cinesi continentali (circa 800 milioni di persone) utilizza questa variante del cinese nella comunicazione quotidiana. Oltre al cinese standard al di fuori della Cina e di Taiwan, l'unico idioma che gli stranieri imparano è il cantonese, che fa parte della famiglia Yue delle lingue cinesi, a causa dell'influenza economica e culturale di Hong Kong e della sua ampia diffusione presso importanti comunità cinesi d'oltremare. La lingua cinese ha un sistema di scrittura gerografico. Attualmente nel mondo si utilizzano due diversi sistemi di scrittura gerografica: I geroglifici cinesi tradizionali e quelli cinesi semplificati. I geroglifici tradizionali, creati durante l'Impero Han e standardizzati durante l'Impero Ming, continuano a essere utilizzati a Hong Kong, Taiwan, Macao e in molte comunità di lingua cinese d'oltremare. I caratteri cinesi semplificati, introdotti dalla RPC nel 1954 per diffondere l'alfabetizzazione di massa, semplificano la maggior parte dei glifi tradizionali complessi in un numero inferiore di tratti. Singapore, che ha una grande comunità cinese, è diventato il secondo Paese ad adottare ufficialmente i geroglifici semplificati, sebbene siano diventati lo standard de facto anche per i giovani di etnia cinese in Malesia. Attualmente, il sistema di scrittura semplificato è utilizzato da un numero significativamente maggiore di cinesi rispetto a quello tradizionale.