Traduttore italiano cinese gratis online


Un traduttore gratuito italiano-cinese di parole e frasi. Per tradurre dall'italiano all'cinese, inserire il testo nel modulo di editing superiore e fare clic sul pulsante "Traduci". Il testo tradotto in cinese comparirà nella finestra di editing inferiore.

 0 /5000


Un traduttore online italiano-cinese alternativo

Traduttore italiano-cinese gratis online, per tradurre parole, frasi e testi. Tenete presente che il nostro traduttore italiano-cinese non è in grado di tradurre più di 1000 caratteri alla volta.


 0 /1000

Il cinese standard è la lingua ufficiale della Repubblica Popolare Cinese e della Repubblica di Cina a Taiwan, una delle quattro lingue ufficiali di Singapore e una delle sei lingue ufficiali delle Nazioni Unite. Il cinese standard si basa sul dialetto putonghua di Pechino, spesso chiamato mandarino. Gli idiomi regionali colloquiali cinesi differiscono notevolmente l'uno dall'altro, per cui la maggior parte dei linguisti li considera un ramo linguistico indipendente, composto da gruppi linguistici e dialettali distinti, anche se correlati. Tradizionalmente, gli idiomi parlati cinesi sono suddivisi in 7 gruppi principali: Cinese settentrionale (Putonghua), lingue Yue (Cantonese), Hakka, lingua Gan, lingua Xiang, lingue Min. Con la crescente influenza dell'economia cinese, l'insegnamento del cinese standard sta diventando sempre più popolare nelle scuole dell'Asia orientale, del sud-est asiatico e del mondo occidentale. Oltre al putonghua (mandarino), il cantonese è l'unica altra lingua cinese che viene spesso insegnata come lingua straniera, soprattutto a causa dell'influenza economica e culturale di Hong Kong e della diffusione di questa variante tra le grandi comunità cinesi d'oltremare. Attualmente esistono due sistemi di scrittura geroglifica cinese. Si tratta dei geroglifici tradizionali utilizzati a Hong Kong, Taiwan, Macao e in molte comunità cinesi d'oltremare. La seconda variante, attualmente più diffusa, è quella dei geroglifici semplificati, introdotta dalla RPC nel 1954 per diffondere l'alfabetizzazione di massa. I caratteri cinesi semplificati semplificano la maggior parte dei complessi glifi tradizionali in un numero inferiore di tratti. Singapore, sede di una grande comunità cinese, è diventato il secondo Paese ad adottare ufficialmente i geroglifici semplificati.